chirurgia-mininvasiva

DIASTASI DEI MUSCOLI RETTI

Trattamento Chirurgico Mininvasivo

 

Per parlare di diastasi dei muscoli retti (diastasi addominale) ci siamo rivolti allo specialista Dott. Marcello Avallone: che riceve ad Ostia presso Spazio Medico.

Cos’ è la diastasi dei muscoli retti?

La diastasi dei muscoli retti è un allontanamento dei muscoli retti dalla linea mediana dell’addome, ciò riduce il punto vita e conferisce un aspetto rigonfiato della parete addominale. Il trattamento della diastasi è chirurgico e viene eseguito in anestesia generale con approccio endoscopico mininvasivo

Quali sono le causlle più comuni cause più comuni 

Le cause più comuni sono durante le gravidanze dove la diastasi è evidente nel 66% delle donne nel terzo trimestre, la diastasi persiste nel 30-60% delle donne dopo il parto. Interessa soprattutto le donne che hanno esercitato attività sportiva prima e durante la gravidanza.

Anche lo svolgimento l’attività sportiva durante la vita quotidiana, non correttamente regolamentata, può comportare la lacerazione dei muscoli retti e la conseguente diastasi dei muscoli retti da eccessivo sforzo fisico; la concomitante ed inadeguata dieta alimentare durante lo sport, può favorire l’insorgere della diastasi addominale da sforzo

In cosa consiste il trattamento chirurgico?

Prevede una riparazione endoscopica pre-aponeurotica (R.E.P.A.). Si eseguono 3 incisioni (10 mm e 5 mm) al di sopra del pube Si suturano le fasce dei muscoli retti addominali, ricostruendo la linea media dell’addome e riparando la diastasi. Si stabilizza e rinforza tale riparazione mediante il posizionamento di una rete che riduce sensibilmente il rischio di recidiva. Con la tecnica endoscopica si realizza la plicatura per via anteriore, esattamente come nell’addominoplastica tradizionale, ma senza la cicatrice dell’addominoplastica

Qual’ è la funzione della rete?

La rete ha una fondamentale funzione di “impalcatura”, e favorisce la formazione del tessuto fibroso che stabilizza la sutura della fascia dei retti. È proprio questo tessuto fibroso che rende stabile la riparazione: la sola sutura, col tempo, sarebbe destinata ad essere riassorbita o a frammentarsi.

Quali sono i tempi di recupero?

Una settimana per la ripresa della vita normale, un mese per la ripresa delle attività sportive.